puzzle che passione

Il puzzle …. una passione intelligente

Nel 1760 il cartografo John Spilbury inventò il concetto del puzzle: dipingeva e incideva su legni pregiati cartine geografiche e rintagliava in piccoli pezzi seguendo le linee dei confini delle nazioni. Con il tempo questa tecnica fu applicata ad immagini di ogni tipo e su diversi materiali.

Secondo il Dizionario di Oxford, il puzzle è un gioco di pazienza consistente nel rimettere in un determinato ordine gli elementi sparpagliati di un oggetto (per es. le tessere a diversa sagomatura che costituiscono un’immagine); estens. e fig., situazione ingarbugliata, problema di difficile soluzione. Invece Wikipidia definisce il puzzle (in inglese [ˈpʌzl]; in italiano /ˈpazel, ˈpazol/ o anche /ˈpuʦle/) come un gioco da tavolo di tipo rompicapo in cui bisogna incastrare tra loro dei pezzi di cartone di piccole dimensioni fino a risalire all’immagine originale.

Insomma un gioco da tavolo che mette alla prova l’intelligenza ma soprattutto la pazienza… un ottimo esercizio di abilità che è diventato per molti una passione instancabile.

In commercio se ne trovano di ogni genere e per tutte le età. Con pezzetti grandi per i più piccini quindi spesso con immagini della Walt Disnay, o immagini panoramiche o di quadri d’autore, con pezzetti piccoli piccoli, per i più grandi. Se di buona qualità la definizione dell’immagine, a lavoro finito, potranno essere incorniciati ed appesi per impreziosire camerette di bambini o salotti o, se sufficientemente grande, la testiera del letto.

Un mercato straordinario che ha reso introvabili e rari, quindi di grande valore, alcune scatole di autori come Guillermo Mordillo, Jean-Jacques Loup, Roger Blachon

Liantonio vi propone una meravigliosa selezione di puzzle di grande valore che faranno gola sicuramente ai collezionisti più raffinati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.